Come non farsi ingannare dal Black Friday ed accedere a chiarezza ed efficacia

Il Black Friday è diventato un evento sempre più rilevante negli ultimi anni, per oltre una settimana non c’è vetrina o negozio online che non riporti sconti ed offerte “imperdibili.”

E no, questo non è un articolo per proporti uno sconto del 90% sui nostri corsi 🙂

In queste righe voglio esplorare come una semplice realizzazione su come funziona la nostra mente ed esperienza possa fare una differenza enorme, nei prossimi giorni.

Infatti per molti il Black Friday è una terribile esperienza!

Montagne russe di emozioni, stress, shopping compulsivo, code nel traffico, ansia e nervoso (e qualche occasionale rissa).

Anche io in diverse occasioni mi sono ritrovato a perdere tempo e soldi in quei giorni alla ricerca dell’occasione d’oro.

Mi rendo conto ora che ero caduto vittima di un innocente (ma dannatamente diffuso) fraintendimento.

Credevo che le mie circostanze, quello che mi accade, le cose che posso acquistare, avessero il potere di farmi sentire in un certo modo.

In altre parole che le mie sensazioni ed emozioni fossero generate da qualcosa al di fuori di me.

Questo è un equivoco su come funziona la nostra esperienza che viene rinforzato in continuazione da ogni messaggio pubblicitario.

Sarò finalmente ____ quando_____

  • Sarai irresistibile dopo che avrai comprato questa giacca di marca.
  • Ti sentirai bellissima quando avrai quella borsa.
  • Sarai un figo agli occhi dei tuoi amici una volta comprato il nuovo Iphone.

Le smisurate campagne di marketing in occasione del Black Friday sono molto convincenti sul fatto che le cose funzionino davvero così.

Ma l’equazione
Sarò finalmente ____ quando_____”
non è mai stata vera e mai lo sarà.

Il nostro lavoro in questi ultimi due anni è in buona parte focalizzato sul condividere un cambio di paradigma su come funziona la nostra mente e la nostra esperienza umana.

Uscire dal fraintendimento, che qualcosa al di fuori di noi sia l’origine della nostra esperienza.

Qui parliamo di qualcosa di diverso, che non prevede di imparare tecniche o praticare qualcosa ma di cambiare paradigma su come funzionano le cose.

Le circostanze infatti sono sempre neutre.

Il come ci sentiamo davanti a quest’ultime è sempre dipendente dal principio del pensiero che prende forma nel momento.

Noi sentiamo i nostri pensieri relativi agli eventi e mai gli eventi.

  • Basti pensare a tutte le volte che in situazioni ricorrenti, non ci sentiamo sempre nello stesso modo.
    Questo è normale, perché i nostri pensieri in quel momento cambiano di volta in volta.
  • Oppure come davanti ad un evento, che sia fortunato o catastrofico, diverse persone hanno reazioni differenti.
    Questo perché le loro sensazioni ed emozioni in quel momento sono diverse e questo perché il loro pensiero, che genera la loro esperienza, è diverso in quel momento.

(Per una spiegazione più approfondita su come funziona un cambio di paradigma abbiamo registrato una serie di webinar al riguardo qui oppure trovi un nostro intervento sul palco qui. )

Ma torniamo al Black Friday.

L’evento di per se, una settimana di sconti, è neutro.

Però quando una persona è persa nel fraintendimento “Sarò finalmente ____ quando_____” lo vive in un modo molto diverso.

In quel momento sembra che a seconda delle decisioni che prenderemo durante la settimana del black Friday:

  • saremo finalmente felici (ho approfittato dell’offerta definitiva!)
  • oppure ci sentiremo dei tristi idioti (qualcuno più veloce di me mi ha fregato l’occasione!).

In ogni caso il risultato sarà insoddisfacente, perché la realtà non funziona così ed essere caduti nel fraintendimento ci può fare perdere tempo, soldi e causare parecchia sofferenza non necessaria.

Nel momento in cui invece siamo centrati nel come funzionano davvero le cose, siamo in contatto con la nostra chiarezza e forza innata, non abbiamo bisogno di cercare qualcosa fuori da noi per sentirci meglio.

Ed è da questa posizione di connessione e pace mentale che possiamo prendere le decisioni migliori.

Tra cui magari ancora comprare qualcosa di cui abbiamo effettivamente bisogno ad un prezzo più basso questa settimana.

Ma non da una posizione di mancanza, non perché quel “qualcosa” sarà il ponte verso una felicità ipotetica.

Semplicemente perché in un momento di chiarezza l’azione di acquistare sembra la cosa giusta da fare, niente di più e niente di meno.

Spero che queste righe ti possano fare passare le prossime giornate con maggiore serenità ed efficacia.

Questo è un piccolo esempio di come questo cambio di paradigma sul funzionamento della nostra mente abbia un impatto estremamente pratico su una varietà enorme di scenari della nostra vita quotidiana.

Dal prendere decisioni chiare ed efficaci in ambito personale, professionale e relazionale, uscendo dalla confusione.

All’accedere alla nostra naturale resilienza tutte le volte che ci troviamo di fronte a delle circostanze sfavorevoli, trovando spesso opportunità invisibili a molti.

Se desideri avere una esperienza diretta di questo cambio di paradigma di cui parliamo:

ci sono ancora alcuni posti disponibili per il nostro corso dal vivo “Reconnect Experience” a Rimini, l’8 ed il 9 Febbraio.

Nessuno sconto “Black Friday”.

Parliamo di una profonda trasformazione che può avere un grande impatto su tutti gli ambiti della tua vita, non di prodotti da grande magazzino.

Saranno due giorni di corso dove condivideremo una esperienza prima riservata solo ai clienti dei nostri programmi di coaching, a cui puoi partecipare con un investimento molto ridotto.

Questo perché il nostro obiettivo è quello di  diffondere ad un pubblico più ampio questa scoperta, crediamo totalmente nel suo potenziale trasformativo a livello individuale e globale.

A questo link trovi la pagina di presentazione e tutti i dettagli.

Un grande abbraccio.

Andrea

Condividi